Omaggio a un grande uomo (e a una grande coppia)

lodateilsignore

Quale miglior abbraccio, umano e divino, si può augurare a un bimbo?

(Questo post era in pubblicazione il 22, ma il server ha deciso di non funzionare proprio alle 23,00 di giovedì scorso. Guardo il positivo: approfitto per omaggiare, oltre Giovanni Paolo II, una grande coppia che oggi festeggia – sì, parlo al presente – 45 anni di matrimonio. Mamma, brinda da lassù, insieme a Gesù!)

Tutti oggi, San Giovanni Paolo II, avranno parlato di lui: giornali, siti, persone…
Sarò tra i tanti, ma non m’importa, ciò che mi unisce da sempre a questo grande uomo mi spinge a parlare di lui… l’ho fatto nel libro, in alcuni post (“Santo subito!” gridavo, con la penna, due anni fa) ma, soprattutto, nel mio cuore: il suo carisma di fede, la sua eredità di speranza, la sua forza nella sofferenza sono impressi in me, in modo indelebile. E, anche se le mie circostanze fisiche e organizzative m’impediscono di scrivere tutto ciò che sento per questo Santo, poche forze e pochi minuti li ho voluti trovare… il resto lui già lo sa.

Karol, con te anche l’autunno diventa primavera: grazie!

Lascio la parola, anzi la voce, a un cantante che non ho mai granché apprezzato ma che oggi, con questa canzone – “venuta da molto lontano” (video del maggio 2003, periodo di svolta nella mia vita…), come il titolo – ha accompagnato le mie piccole azioni quotidiane.

Che Caino sono pure io…

8 pensieri su “Omaggio a un grande uomo (e a una grande coppia)”

  1. Grazie a te, donna-madre, che ti fai grembo dell’essere umano nella gioia e nel travaglio di un’esperienza unica, che ti rende sorriso di Dio per il bimbo che viene alla luce, ti fa guida dei suoi primi passi, sostegno della sua crescita, punto di riferimento nel successivo cammino della vita.

    Grazie a te, donna-sposa, che unisci irrevocabilmente il tuo destino a quello di un uomo, in un rapporto di reciproco dono, a servizio della comunione e della vita.

    Grazie a te, donna-figlia e donna-sorella, che porti nel nucleo familiare e poi nel complesso della vita sociale le ricchezze della tua sensibilità, della tua intuizione, della tua generosità e della tua costanza.

    Grazie a te, donna-lavoratrice, impegnata in tutti gli ambiti della vita sociale, economica, culturale, artistica, politica, per l’indispensabile contributo che dai all’elaborazione di una cultura capace di coniugare ragione e sentimento, ad una concezione della vita sempre aperta al senso del «mistero», alla edificazione di strutture economiche e politiche più ricche di umanità.

    Grazie a te, donna-consacrata, che sull’esempio della più grande delle donne, la Madre di Cristo, Verbo incarnato, ti apri con docilità e fedeltà all’amore di Dio, aiutando la Chiesa e l’intera umanità a vivere nei confronti di Dio una risposta «sponsale», che esprime meravigliosamente la comunione che Egli vuole stabilire con la sua creatura.

    Grazie a te, donna, per il fatto stesso che sei donna! Con la percezione che è propria della tua femminilità tu arricchisci la comprensione del mondo e contribuisci alla piena verità dei rapporti umani.

    (Papa Giovanni Paolo II)
    Fonte: Lettera di Giovanni Paolo II alle donne del 1995

  2. Buon anniversario anche ai tuoi genitori, distanti solo fisicamente. Due persone che seppur conosco solo attraverso i tuoi racconti e che reputo eccezionali.
    Novella guarderà con un sorriso i suoi cari e viproteggerà . Un abbraccio stretto stretto a te e famiglia .
    Ti voglio un mondo di bene

    1. Dolce Anna, dai voce a Giovanni Paolo II con questo scritto… è come sentirlo commentare il post: bella sensazione! Grazie a te e a lui che ci ricomprende tutte, in un abbraccio di uomo, papa e santo.

      E grazie per gli auguri sentiti e graditi…

  3. Il ricordo del nostro amato Papa Giovanni Paolo II è sempre vivo dentro di me, con le sue sagge parole e con i suoi gesti silenziosi, pieni di fede e coraggio.Grazie per averlo omaggiato con questo post.Tanti auguri di cuore ai tuoi genitori… Vero esempio di coppia che si è amata sempre, che insieme ha vissuto gioie e dolori, amandosi e onorandosi ogni giorno.Un abbraccio al tuo papà e un bacio verso il Cielo alla tua mamma.Grazie

  4. Grazie Luisa!!!!!! Giovanni Paolo ha lasciato un grande segno nel mio cuore!!!!!1 E’ stato un grande Papa!!!
    Auguri ai tuoi genitori e un abbraccio a te e famiglia!!!!1

  5. Giovanni Paolo, come lo chiamavamo e acclamavamo alle Giornate mondiali, ha segnato la nostra giovinezze e il nostro cammino di fede. Mi manca tanto e spero che da lassù continui ad incoraggiarci e sostenerci visti anche i tempi duri che si prospettano, ricchi di moti e ideologie che sempre più si allontanano da Dio e dalla chiesa.

    Auguri con tutto il mio amore, alla grande coppia che festeggia i 45 anni di matrimonio…

  6. E’ stato 25 anni con noi … un’eternità, tanto che durante la messa, quando citano il nome del papa e mentalmente e meccanicamente lo pronuncio, mi esce “Giovanni Paolo II” (e vescovo, Giuseppe :). Sarà che è nato con me (1978) e se n’è andato in un momento felice, con l’annuncio ufficiale dato mentre ero in un bar di Granada a bere un bicchiere di vino con il mio migliore amico! (Scusate se abbasso nettamente il livello del post!). Grazie per ricordarlo Lu, rimarrà sempre un mito assoluto per l’impronta che ha saputo dare – credo che senza di lui ci sarebbe ancora il muro di Berlino – e per i discorsi stupendi pronunciati, di cui ho in cuore il famoso “una volta verrà il giudizio di Dio” (https://www.youtube.com/watch?v=7JdVWIFJU04) e “non abbiate paura di avere coraggio”.

  7. Io egoisticamente lo chiamo il mio Papa. Quando è stato eletto stavo facendo il militare, ha svolto il suo ministero insieme agli anni più belli della mia vita, il fidanzamento, il matrimonio, la nascita dei nostri tre figli, lui era li che pregava per tutti noi. Il ricordo più bello, quando è venuto a Perugia il 26 ottobre 1986, il mio primo figlio Francesco aveva due mesi. io come membro del consiglio parrocchiale, avevo il pass, per entrare in cattedrale, non avrei mai immaginato che avrei potuto stringergli la mano, invece ci sono riuscito, da quel contatto ho capito che stavo stringendo la mano ad un Santo. Ora da lassu’ continua a guidarci e proteggerci. Auguri agli zii per il loro anniversario di matrimonio, anche loro ci hanno dato un esempio di Amore e unità,la zia ora che è un Angelo del paradiso ci protegge . Un abbraccio ciao e grazie per aver condiviso un emozionante ricordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *