SENZA TUTTO

SENZA PAURANon so se per un cd musicale, il termine giusto sia recensione.
So solo che ho un immenso desiderio di dire la mia su questo eccezionale prodotto che era quello giusto per me in questo momento. Dopo quasi un mese di non scrittura, con le unghie così lunghe che non riuscivo a battere nemmeno i tasti elettronici, per 15 giorni di pura ignavia ospedaliera, lei GIORGIA, è rimasta comunque il mio chiodo fisso.
Vorrei dire tante cose sul cd ma mi basta riportare a grandi linee il retro del cofanetto color cipria coi titoli delle canzoni. Dico a grandi linee perché solo per essi serve un corso accelerato di editing per capire come hanno studiato lo scrivere i semplici titoli. E dentro ogni canzone, anche le più commerciali, c’è TUTTO.

Titolo LP: S E N Z A  P A U R A

Non mi ami

Quando un stella muore

I will pray (pregherò)

Io fra tanti

RiFLESso di me

Perfetto

Avrò cura di te

La mia stanza

Oggi vendo tutTo

Did Ilose YOu

Ogni fiore

L’amore s’impara

Il cielo è sempre il cielo

Vedrai com’ è

Pregherò

Come potete notare, solo l’ultimo titolo è scritto normale come a voler ribadire che il non voler mai smettere di pregare sia l’ultima spiaggia (sì, le foto son fatte al mare, coi vestiti di Gucci – meravigliosi – e con pochissimo trucco in volto) di una donna che cerca di NON AVER PAURA.

 

15 pensieri su “SENZA TUTTO”

  1. Solo la preghiera può sconfiggere la paura che ci attanaglia nei momenti più difficili.
    “Se TU sei con me,di chi avrò paura?”
    Ti aspettavo.
    Bentornata!
    Un abbraccio
    Sunrise

  2. Brava Luisa, sono contenta di ritrovarti, con la Preghiera, senza Paura, si può sconfiggere tutto…. restiamo unite…. con GIM 1 ti voglio bene.. grazie

  3. Bellissima questa canzone come sei bella te dentro e fuori.
    Oggi per non farmi mancare nulla ho trascorso la mattina ospedale: polso rotto con frattura scomposta e gesso per 30 giorni dalla ascella alla mano. Inoltre grosso trauma al ginocchi.
    Devo continuare a pregare?
    Io sono stanca,
    Tvb

  4. Grazie a tutte amiche care.

    Oggi mi attende una lunga giornata bolognese e, davvero, senza paura del tutto, non sono.

    Ieri, da brava malata (povera malata è riduttivo) ho preso messa in tv: momento forte assieme a mio marito, nella solennità di Cristo Re, al termine dell’anno della fede. Anno davvero duro per noi ma ricco di Grazie.

    Per Anna: mi spiace per quel che ti accade di continuo. Se me lo consenti, prego io per te.
    Stamattina il messalino mi ripropone qualche verso del Magnificat, credo possa bastare per entrambe. Ti abbraccio. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *